Monte Semprevisa e Monte Croce

Lungo questo affascinante itinerario si apprezza la natura calcarea e severa di queste montagne: si attraversano i rilievi e le cavità carsiche della zona che si affaccia sul versante costiero della catena dei Monti Lepini, godendo degli straordinari panorami, estesi fino alla Campania.

Si inizia da Carpineto Romano, un piccolo centro agricolo documentato già dal 1077, che deve il suo nome alle foreste di càrpini del vicino monte Capreo. Ha case antiche con portali del ‘400 decorati e ornati da curiose iscrizioni augurali e proverbi. Bella è la chiesa trecentesca di S. Agostino,  con due bei portali gotici istoriati: uno ha rilievi con Madonna, Evangelisti e santi, l’altro ha un’interessante Crocifissione con Madonna e Santi databili al 1350.
Lasciato il paese, si raggiunge in auto dopo 7 km. il Pian della Faggeta, un pianoro carsico ricco di doline ed inghiottitoi.
Si parte quindi attraversando la piana e seguendo le indicazioni  del sentiero n. 15, in salita verso destra. Dopo poco si raggiunge un sentiero che in breve porta all’imbocco di una valletta dal fondo roccioso e radi faggi. Si prosegue quindi in salita attraverso il bosco fino alla cisterna dell’Acqua Mezzavalle, non potabile; poi a sinistra ancora nel bosco, ora fitto e imponente, fino alla sella del Semprevisa. La salita continua verso la cresta, costeggiando il pozzo della Neve e uscendo dal bosco. Camminando tra i banchi rocciosi fino ad un rilievo, cui segue una breve piana e un pendio sassoso, si giunge infine alla cima, dove è godibile il superbo panorama. Di qui infatti è possibile ammirare: il gruppo dei monti Lepini, tutta la pianura Pontina da Anzio fino a Terracina, le catene dei monti Aurunci, Ausoni, i monti della Meta, gli Ernici, i Simbruini, i Prenestini e i colli Albani; in giorni limpidi, anche le isole Pontine e Partenopee, fino alla penisola Sorrentina e al Vesuvio.
La discesa segue il filo della cresta con tratti in pendenza e altri in piano verso il monte La Croce. A poca distanza è l’Abisso Consolini, pozzo naturale visitabile solamente accompagnati da speleologi esperti. Si prosegue verso un bivio e si volta a destra per il monte Erdigheta e il piano dell’Erdigheta. Di qui, continuando lungo una sterrata attraverso la faggeta, si lascia l’Alta Via dei Monti Lepini e si segue il sentiero n.8. Si attraversa ancora una valletta e seguendo la sterrata si ritorna al pian della Faggeta.

Tempo ca. 2 ore
Itinerario Segnato sì bianco-rosso n.15 e Alta Via dei Monti Lepini
Grado di difficoltà medio – difficile

Informazioni
partenza da Carpineto Romano
S. Ardito, A piedi nel Lazio, vol. 1, Roma 2005

Search
Filtri per Custom Post Type
Area
Tipologia
Itinerari a cavallo
Itinerari in bici/treno
Parchi e riserve
Itinerari a piedi
Itinerari per la pesca